29 ottobre 2015: Gli sforzi per scalzare la ICJ (Corte Internazionale di Giustizia) dimostrano uno sprezzo vergognoso verso le leggi internazionali.

walfang152Sea Shepherd Conservation Society, organizzazione no profit per la conservazione degli ecosistemi marini registrata negli Stati Uniti come ente 501(c)(3), condanna la dichiarazione del Giappone, resa all'inizio del mese alle Nazioni Unite (ONU), in cui sostiene che la Corte Internazionale di Giustizia (la ICJ) è manifestamente incompetente sulle controversie in materia di baleneria, a seguito dell’ordine, intimato dalla ICJ al Giappone nel marzo del 2014, di fermare il programma di baleneria in Oceano del Sud. 

“Questa dichiarazione è semplicemente l'ultimo esempio della vergognosa inosservanza, da parte del governo giapponese, delle leggi internazionali per la protezione dei cetacei”, ha dichiarato Paul Watson, fondatore di Sea Shepherd, che ha guidato numerose campagne contro la caccia alla balene perpetrata dai giapponesi nell'Antartico. “Prima che il caso venisse discusso, il Giappone aveva promesso che avrebbe rispettato la sentenza dell' ICJ. Ora, dopo essere stato dichiarato colpevole, ha cambiato idea, perché la corte ha rivelato quanto il suo “programma di ricerca sui cetacei” fosse una farsa, e ha detto al mondo quello che Sea Shepherd sta dicendo da decenni: la baleneria commerciale nell'Oceano Meridionale è illegale, e deve finire immediatamente”.

Fin dagli anni '80, il Giappone ha concesso dei permessi finalizzati alla “ricerca scientifica” a delle organizzazioni giapponesi, consentendogli così di uccidere, nel Santuario dei Cetacei in Oceano del Sud, ogni anno oltre 1000 balene, tra cui specie a rischio di estinzione, come le megattere e le balenottere comuni. La carne delle balene uccise in Antartico è stata lavorata a bordo di un mattatoio galleggiante, impacchettata, e venduta in Giappone, nonostante ci siano testimonianze di grandi scorte immagazzinate nei congelatori, poiché la richiesta di carne di balena è drasticamente diminuita. L'anno scorso, la Corte Internazionale di Giustizia ha decretato che il Giappone ha fallito nel tentativo di dare qualsiasi fondamento scientifico a questa caccia, poiché era condotta a scopi commerciali, e violava la moratoria globale sulla caccia commerciale alle balene decretata dalla Commissione Baleniera Internazionale (IWC).

L'ICJ ha ordinato al Giappone di fermare immediatamente il programma di baleneria e di revocare tutti i permessi esistenti. Per un anno il Giappone ha rispettato la sentenza e non ha cacciato le balene in Oceano del Sud. Quest'anno, tuttavia, ha annunciato l’intenzione di voler riprendere la caccia sulla base di un nuovo programma, il “NEWREP-A”, che è già stato valutato e respinto dal Comitato Scientifico dell'IWC in quanto privo di base scientifica.

walfang151Il Giappone sta ora cercando di proteggere il NEWREP-A da un’ulteriore disamina, dichiarando che l'ICJ non ha giurisdizione su “alcuna disputa derivante, concernente o relativa alla ricerca, conservazione, gestione o sfruttamento delle risorse viventi del mare” un rifermento eufemistico alla caccia alla balena.
“Il Giappone aveva sollevato obiezioni simili riguardo alla giurisdizione dell'ICJ durante l'ultima causa, e l'ICJ aveva fermamente respinto le sue argomentazioni”, ha detto Claire Davis, socia dello studio legale Lane Powell, che rappresenta Sea Shepherd nella battaglia presso la corte federale statunitense contro i balenieri giapponesi. “Nessuno chiaramente dubita che l'ICJ abbia giurisdizione su casi di questo genere, ed il fatto che il Giappone riprenda questo argomentazione fallimentare, è un’ammissione circa il plausibile fallimento del suo nuovo programma di fronte all’esame della corte”.

Sotto le mentite spoglie dell'“Istituto per la Ricerca sui Cetacei”, i balenieri giapponesi hanno citato in giudizio Sea Shepherd presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti del Distretto Occidentale nella città di Seattle, Washington, per cercare di ottenere un'ingiunzione permanente per prevenire le interferenze con la loro caccia illegale. In risposta a questo, Sea Shepherd chiede alla corte di dichiarare che la baleneria giapponese in Oceano del Sud è illegale e che le loro azioni violente contro gli attivisti di Sea Shepherd siano equiparate alla “pirateria”, e che venga ordinato ai balenieri di interrompere queste attività illegali. Molti degli incontri di Sea Shepherd con la flotta baleniera sono stati documentati dalla famosa serie televisiva, trasmessa da Animal Planet e candidata agli Emmy “Guerra alla baleniere”, compreso un incidente del 2010 durante il quale una nave baleniera ha speronato e spezzato la prua della Ady Gil, l’imbarcazione di Sea Shepherd.

“I balenieri cercano di fuggire dalla giustizia in ogni tribunale, compresa la Corte Internazionale di Giustizia (ICJ), ma questo caso crea un'opportunità unica per ritenerli responsabili per le loro flagranti violazioni delle leggi internazionali,” ha dichiarato Davis. 

“Nell’intentare una causa contro Sea Shepherd nella città di Seattle, i balenieri si sono esposti a contenziosi che non avrebbero potuto avere luogo in qualunque altra nazione, e una vittoria qui costituirebbe un importante precedente, negli Stati Uniti e a livello globale, riguardo al fatto che le loro azioni illegali non saranno tollerate.”

Immagine: la nave fabbrica giapponese, la Nisshin Maru (a destra) mentre trascina sulla rampa di carico una balenottera minore appena catturata. Foto: Sea Shepherd/Adam Lau

Articolo originale: http://www.seashepherd.org/…/sea-shepherd-conservation-soci…




I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok