• Simple Item 8
  • Simple Item 11
  • Simple Item 5
  • Simple Item 7
  • Simple Item 9
  • Simple Item 10
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Sea Shepherd si oppone all'espansione di SeaWorld durante l'udienza della Commissione Costiera della California a Long Beach

8 ottobre 2015: La commissione ha approvato la mozione, con delle condizioni che vietano al parco di San Diego la riproduzione e il trasferimento delle Schwertwal-Show bei SeaWorld San Diego. (Wikimedia)orche in cattività

Il Progetto Blue World proposto da SeaWorld di San Diego, che ha il fine di ampliare le vasche del parco delle orche, è stato sottoposto quest’oggi a Long Beach alla votazione dei membri della Commissione Costiera della California. Rappresentanti e sostenitori di Sea Shepherd hanno partecipato a sostegno delle orche tenute prigioniere nelle vasche di SeaWorld, che, a prescindere dalle dimensioni delle prigioni del parco marino non potranno mai riprodurre l'oceano, l'immensa dimora naturale delle orche.

Leggi tutto...

Sea Shepherd annuncia Operazione Icefish 2015-16: la seconda campagna per fermare la pesca illegale nell'Oceano del Sud

160x160xnews 151109 1 5 logo icefish 2 200x.png.pagespeed.ic.eUVe5nhZQW8 novembre 2015 La seconda campagna per fermare la pesca illegale nell'Oceano del Sud

A seguito del successo senza precedenti di Operazione Icefish, Sea Shepherd oggi ha annunciato la sua seconda campagna avente come obiettivo gli operatori illegali dediti alla pesca dei nototenidi della Patagonia e dei merluzzi dell'Antartico (Dissostichus, spp., nota di traduzione): Operazione Icefish 2015-16.

Leggi tutto...

Schiacciante vittoria nella lotta alla pesca illegale

urteil112 ottobre 2015 Gli ufficiali della nave bracconiera affondata Thunder condannati al carcere e al pagamento di una sanzione amministrativa pari a 15 milioni di euro.

Lunedì la Corte Suprema di São Tomé e Príncipe ha dichiarato i tre ufficiali della famigerata nave dedita al bracconaggio di austromerluzzi, la Thunder, colpevoli di falso, inquinamento, danni all'ambiente e navigazione pericolosa. I tre sono stati condannati dai 32 ai 36 mesi di carcere per navigazione pericolosa e falso e al pagamento di una sanzione amministrativa pari a 15 milioni di euro per inquinamento e danni all'ambiente.

Leggi tutto...

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok