• Simple Item 7
  • Simple Item 9
  • Simple Item 5
  • Simple Item 11
  • Simple Item 8
  • Simple Item 10
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Sea Shepherd assiste la Guardia Costiera Liberiana nell'arresto di una nave da carico dedita al commercio ittico illegale

2 gennaio 2019

Nel periodo natalizio, la Guardia Costiera liberiana, assistita dall'equipaggio di Sea Shepherd, ha arrestato la nave battente bandiera cinese M/V Hai Feng 823. La nave da carico refrigerata (o “refeer”), lunga 74 metri e con alle spalle una storia di pesca illegale, è stata fermata mentre cercava di scaricare illegalmente un carico di pescato nel porto di Monrovia, in Africa occidentale.

Leggi tutto...

Sea Shepherd accoglie positivamente la fine della baleneria nell’Oceano del Sud

Sea Shepherd ha contrastato le attività di baleneria giapponesi all’interno del Santuario dei Cetacei in Oceano del Sud, attraverso spedizioni nelle acque antartiche, la prima volta nel 2002 e poi con campagne consecutive dal 2005 al 2017. Nel corso di questo periodo oltre 6.000 balene sono state salvate dagli arpioni dei balenieri giapponesi dediti alla caccia commerciale i quali, a fronte degli interventi di Sea Shepherd, fingevano di cacciare a fini scientifici. 

Leggi tutto...

Commento del Capitano della M/Y Sam Simon

Commento del Capitano della M/Y Sam Simon, Alistair Allan

Liberia, Africa Occidentale - Un altro giorno senza nuvole, l'acqua cristallina delle coste liberiane brilla sotto i raggi del sole. Mentre guardo attraverso il mio oblò, non vi è praticamente un soffio di vento ad interrompere l’infinito orizzonte turchese davanti a me. Il telefono interno squilla nella mia cabina. Una voce entusiasta dall'altra parte annuncia: “ORCHE! Orche fuori!” Salgo rapidamente le scale fino al ponte e guardo a tribordo. Mentre provo a cercarle, un'enorme pinna dorsale taglia l'acqua proprio vicino alla nave. È la più grande del branco, la matriarca. Mi rendo conto che sono tutte attorno a noi, una famiglia di circa dodici esemplari. L'equipaggio è entusiasta vedendole nuotare intorno alla nave, con i membri più giovani del branco che giocano e saltano.

Leggi tutto...

Comandante taiwanese condannato a 20 anni per shark finning in Tanzania

Il proprietario e il capitano del peschereccio battente bandiera malese (F/V) Buah Naga 1, ispezionata e posta sotto custodia dalle forze dell’ordine della Tanzania nell’ambito di Operazione Jodari, una partnership congiunta tra Sea Shepherd, Fish-i Africa e il governo della Tanzania per combattere la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN), si sono dichiarati colpevoli del reato di possesso illegale di pinne di squalo durante un patteggiamento con i procuratori tanzaniani.

Leggi tutto...

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok